Il Gruppo Cobra.

di Lucia Ghirardi

Karel Appel, olandese, nel 1948 fonda insieme a Asger Jorn e Guillaume Corneille Il GRUPPO COBRA, la cui sigla deriva dalle iniziali di Copenhagen, Bruxelles ed Amsterdam, città dove sono attivi i suoi esponenti.
Il gruppo di questi artisti è internazionale e di carattere sperimentale.
La stampa reagisce per esprimere il proprio disgusto per la nuova forma d’arte e il comportamento volutamente provocatorio di alcuni di questi artisti.
In realtà, gli artisti del GRUPPO COBRA vogliono rompere il muro delle convenzioni borghesi, cercando nuove forme d’espressione direttamente dettate dall’inconscio e ispirate all’arte dei primitivi.
Nelle loro opere le macchie di colori e le linee si fondono in un movimento violento della materia.
L’opera di Karel Appel (Amsterdam 1921) si ispira sia all’Espressionismo sia ai disegni infantili modellando le figure in spesse stesure di colori puri, violentemente contrastati.
Anton RoosKens (Griendsveen 1906- Amsterdam 1976) viene invece ispirato dall’arte africana.
Theo Wolvecamp (Hengelo 1925- Amsterdam 1992) sviluppa un linguaggio simbolico di macchie, tratti e linee vorticose che elabora durante il periodo COBRA.
In Danimarca e in Belgio il genere di opere e gli ideali proposti dal movimento COBRA non trovano un clima così ostile e conservatore come quello olandese.
Tra gli artisti appartenenti a questo gruppo vanno ricordati anche Henry Heerup (Copenhagen 1907- 1993), Carl Henning Pedersen (Copenhagen 1913) e Asger Jorn (Copenhagen 1914-1973) il più giovane di loro.
Qest’ultimo, in una sua lettera, si esprime così:- “Io sono soprattutto interessato all’arte di dipingere intesa come un mezzo diretto, non letterario e non verbale di comunicazione umana e spirituale.”
Jorn ricerca, quindi, le immagini primitive della creatività umana nella preistoria e nelle forme dell’arte popolare.
Corneille (Liegi 1922) è con Appel e Constant il cofondatore del Gruppo sperimentale (1948) che più tardi si fonderà con il GRUPPO COBRA.
Egli dipinge visioni di paesaggi tropicali, giardini popolati di piante, animali e donne. La rivendicazione di una totale libertà creatrice che si traduce in colori brutali e in immagini forti, spesso discordanti, non manca di stupire anche ai giorni nostri.
Si auspica, quindi, che lo slancio e il dinamismo del GRUPPO COBRA siano non soltanto riconosciuti, ma continuino a servire come attuale fonte d’ispirazione.

About these ads

Una risposta a “Il Gruppo Cobra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...