Specchi ed ombre alla Galleria Castelli di New York.

“Barbara Bertozzi Castelli sta esibendo gli specchi dipinti di Lichtenstein e delle ombre dipinte di Warhol. Una combinazione molto interessante. Entrambi gli artisti tentarono di usare la propria pittura figurativa per dipingere qualcosa che non ha forma. Ombre e specchi sono essenzialmente non dipingibili. Una connessione ed una mostra molto interessanti.”

Fin qui ciò che dice Adam Lindemann (uno dei 2 maggiori collezionisti mondiali di arte contemporanea, attualmente viventi) intorno alla mostra.

Leo Castelli é stato un grande gallerista di origini triestine. Personalmente lo considero grande nonostante non condivida tutte le sue “scoperte”. Ciò che più mi é rimasto impresso é stato il giudizio velenoso sul suo operato dato proprio da Lindemann. Mentre su Warhol, non posso dimenticare l’opinione che ne aveva uno dei maggiori critici viventi che io stimo molto per la sua indipendenza di pensiero quale é stato ed é tuttora, nel mondo dell’arte che parla inglese, Robert Hughes. Hughes diceva che Warhol non era per niente interessante (lo definì come una delle più stupide persone incontrate nella sua vita) e il suo lavoro fosse del tutto ipervalutato. Perché? Perché si trattava di ripetizioni e ripetizioni e, dopotutto, egli non aveva nulla da dire.

Collegamenti: http://www.adamlindemann.com/mirrors-and-shadows-at-castelli-gallery/, http://flaconobis.tumblr.com/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s