Arte pittorica e collezionismo.

Negli ultimi 60 anni siamo passati attraverso una molteplicità di movimenti artistici che si richiamavano alla sperimentazione e all’avanguardia, mentre si lasciava cadere la pittura come arte manuale e visiva in favore di tutto ciò che poteva essere concettuale o politico. Di politico c’era, in definitiva, ben poco: forse per una minoranza di artisti eticamente integri e cristallini. Nel frattempo questa nuova ondata che la metteva sul piano dello scontro sociale (senza mai esporsi) non fece altro che facilitare l’accesso di mediocri ed ammanicati nel mondo dell’arte.

Ad onor del vero negli ultimi 20/30 anni un’inversione di tendenza c’é stata ed é ripreso un filone di pittura e ri-consapevolizzazione della manualità, anche per reazione con la grave sostituzione operata negli anni precedenti. Questo attacco alla pittura é stato possibile grazie allo sviluppo tecnologico, produttivo e finanziario degli anni seguenti la ricostruzione ed al distacco dalla produzione vera e propria a tutto vantaggio della “terziarizzazione” dell’economia. L’arte si “terziarizzava” di conseguenza e proponeva questioni astratte al posto di gioie emotive e carnali. Economia, politica, cultura ed arte si influenzavano a vicenda.

Parallelamente, il problema principale del collezionismo dagli anni ’50 del secolo scorso in poi é quello dello slittamento dello stesso verso un surrogato dell’opera pittorica, in virtù dell’ampliarsi della curiosità (massificata) del pubblico e alla necessità di una diffusione a livello alto ma a costi accessibili. Come potete notare, questa parabola non é casuale, ha origini e dinamiche molto chiare nelle scelte di carattere politico ed economico.

Cambiare rotta? E’ molto difficile. Ma almeno possiamo cercare di valorizzare quegli artisti che della propria cultura ed abilità fanno chiara mostra ed impegno quotidiano, come già scritto in questo articolo del 15 Febbraio scorso.

3 Comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s