Che cos’é il “Mal d’Africa”?

Come possiamo spiegare il “mal d’Africa”? Che cosa significa? E’ la nostalgia dei paesaggi, degli spazi aperti, come comunemente si crede? No; il “mal d’Africa” é la sensazione di strapotere dell’uomo bianco che in quel continente può fare ciò che gli pare, gode di una illimitata libertà.

Questo era più vero ancora in anni passati, anni in cui per la predominanza economica e politica dell’uomo bianco e per la scarsa conoscenza che dell’uomo bianco aveva quello nero, i ruoli incasellati dalle differenze sociali ed economiche stavano appena iniziando a vacillare.

Il Mal d’Africa come parziale manifestazione di razzismo: come potremmo definire, allora, l’odio di razza, conosciuto per l’appunto anche come razzismo, cioè quell’atteggiamento che mira a privilegiare senza alcuno scrupolo di scienza e giustizia un popolo, una nazione, un gruppo di individui, artatamente riconosciuti come razza, a scapito degli altri?

E’ semplice: come la sensazione di onnipotenza (tale nel “mal d’Africa”), di essere superiore ad un altro uomo che viene declassato, in base alla applicazione di alcune caratteristiche che lo contraddistinguano in negativo. Ciò viene fatto da chi ha i mezzi economici e culturali. Per riuscire nell’intento di sentirsi superiore agli altri, bisogna esserne separati, vicendevolmente ghettizzati. Non ci deve essere dialogo o comunicazione di sorta ma solo separatezza e una sorta di alterità nella quale l’altro é un nemico irriducibile nella sua propria sub-umanità, portatore di minacce. Il razzista non solo si sente superiore a tutti ma ha una vertigine quando realizza che é legittimato da un gruppo o da una comunità ad usare qualsiasi metodo per preservare questa “superiorità”.

Superiorità che egli individua nella storia del proprio gruppo, della propria nazione che viene fatta diventare agiografica e priva di contraddizioni interne. Questo il corollario; la base é rappresentata dallo status economico. Ma la ragione anti-intellettuale che sta al fondo di queste posizioni é la superiorità in funzione di un benessere materiale senza bisogno di alcun tipo di giustificazione. Viene perseguita, auto-alimentandosi, e per ciò stesso esiste.

2 Comments

  1. Un male che nasconde in apparenza la nostalgia per un mondo più vicino al nostro io bambino e occulta, spesso anche ai propri occhi, la sensazione di sentirsi un essere superiore, che in occidente è negata brutalmente dalla realtà. Un saluto. Pietro.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s