Tre aggiunte sulla Val Rosandra.

Mi riferisco al post apparso su Giap il 4 Aprile ultimo scorso, a proposito dello scempio della Val Rosandra. Tre piccole aggiunte a mo’ di integrazione a quanto detto:

1) @tuco: la Premolin non è del tutto contraria al rigassificatore. Ha proposto, con Nesladek, Sindaco di Muggia, di spostarlo a mare;

2) @tuco: il grosso degli sloveni viveva e vive in città, non sul Carso, come comunemente si crede, per cui lo scontro non è tra città italiana e contado sloveno, ma tra diversi interessi economici in cui si inserisce anche lo scontro tra città e campagna;

3) @dzzz: gli sloveni “colonizzati” nel dopoguerra non hanno opposto la stessa resistenza dell’epoca del Fascismo perché, fondamentalmente, anche loro hanno usufruito delle prebende assegnate alle regioni a Statuto Speciale. A differenza dell’epoca del Fascismo, essi hanno delle associazioni imprenditoriali, culturali e politiche che ne curano gli interessi. Non possiamo, infatti, definirla come una minoranza oppressa se non sul piano strettamente culturale, in una sorta di bantustantizzazione interna alla città.

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s