La favoletta della moderazione.

[In un momento in cui in Siria sta andando in onda, sulla pelle di decine di migliaia di persone, la solita rappresentazione teatrale dei “buoni contro i cattivi” e mentre si cerca di oscurare la parte di responsabilità dei nostri governi nell’accensione della miccia delle rivolte armate nel paese, vorrei proporre una riflessione sul concetto di “moderazione”. Sia che la risposta alla domanda “la Siria é un paese moderato?” sia affermativa che negativa, desidererei si argomentasse la risposta rispondendo alla domanda cruciale: in confronto a chi/a che cosa?]

C’è una favola che gira dalle nostre parti; quella che inquadra alcuni paesi a maggioranza religiosa islamica nella categoria “Islam moderato”. Ora; l’Islam è come dev’essere. Variegato, articolato, grazie alla sua insita libertà ermeneutica e allo spirito di emulazione che lo pervade.

L’estrapolarne una categoria inventata di sana pianta, secondo i nostri parametri culturali e contrapporla ad un’altra – quella dei “radicali…cioè dei “terroristi” – semplicemente per irretire il pubblico occidentale, mi sembra disonesto.

Vanno dette alcune cose, per precisare questo concetto di moderazione che potrebbe essere comparato col ricorso allo stesso concetto, sul piano politico interno, quando si vogliono far passare delle politiche anti-popolari, per le uniche realmente concrete e – perciò – accettabili. Moderate.

In verità, i paesi che vengono definiti “moderati” – su di un piano di “islamicità” – lo sono solo nella misura in cui portano l’acqua al mulino della politica statunitense ed in subordine europea. Oltre a questa caratteristica poco nobile, ne hanno un’altra: quella di usare l’Islam terroristicamente come strumento di politica interna, come mezzo per conculcare le libere espressioni della società che dominano. Cioè distorcono la religione per fini strettamente politici.

Alcuni di questi paesi “moderati” (Pakistan, Arabia Saudita, Egitto, Turchia…) sono direttamente impegnati a combattere i nemici degli USA, tanto che sorge il…dubbio… che la qualifica di “moderato” sia data a tutti quei paesi che si distinguono e si sono distinti per anti-comunismo, anti-democraticità, anti-femminismo…

Un esempio poco edificante della scala di valori etici applicati ai paesi islamici è rappresentato dal Sudan. Se ne è fatto un caso, solamente dopo che lo scontro politico-economico in atto tra USA e Cina si è fatto veramente pesante. Prima di questo, il paese era assolutamente fuori dagli interessi culturali e cronachistici d’occidente. Del fatto che i sudanesi (troppo scuri di pelle) fossero anche cristiani, non se ne fotteva nessuno. Del fatto che ci fosse un partito comunista sudanese, non ne parlavano nemmeno i comunisti di casa nostra, quelli interessati ai destini della sinistra e che riscoprono che in Spagna, c’è stato un partito socialista (per quanto l’aggettivo sia stato penoso in mano a persone come Zapatero) .

Del fatto che esistessero dei musulmani in quel paese, era notizia priva di mordente, perché l’Africa è il continente veramente rimosso del nostro tempo. E, visto l’atteggiamento del Sudan, che storicamente non è mai stato troppo accondiscendente con l’Occidente, tutto deve rientrare nella falsa categorizzazione imposta dai media. I cattivi sono neri, musulmani, e, se , non sono affidabili.

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s