Comprereste un auto usata da quest’uomo?

Attenzione: questo non è un post accomodante verso i democratici. Perciò sarò tacciabile di web-fascismo. Tuttavia ricordo che furono proprio coloro che sarebbero poi diventati piddini a sdoganare i fascisti dimenticando totalmente la vergogna del Ventennio. Di Grillo ho scarso rispetto ma è importante ricordare che, se un comico ha la capacità di sparare a zero in questo modo, il merito non è del comico stesso ma di una classe dirigente che non può sperare di vivere di continue giravolte opportunistiche facendole passare per coerenza…negli interessi del paese.

Le innumerevoli e pressanti domande sull’evoluzione e sul futuro del PD dovranno pur avere una risposta, un giorno. La risposta che posso dare fin da oggi e dichiarare valida fino alla fine della sua storia politica in quanto struttura organizzata é questa: il futuro del PD è strettamente legato a quello della classe dirigente (o dominante, se preferite) italiana. Quel partito, al pari di quasi tutti gli altri nel nostro paese, non é altro che classe dirigente, slegata da qualsiasi altra classe o ceto sociale. La sua vita, i suoi successi o fallimenti, compreso un suo eventuale ridimensionamento, sono legati alla vita della classe dirigente italiana, in sè e per sè.

Lasciamo perdere le sue caratteristiche di lobby economico-finanziaria e di azionista di maggioranza relativa dello Stato; lasciamo perdere il sistematico millantare una sorta di superiorità morale nella gestione della cosa pubblica (il fantasmatico “paese”) e di essere in grado di fare gli interessi di milioni di lavoratori, tutte iperboli degne del corrente populismo mediatico. Lasciamo anche perdere il fatto che, questi funzionari di partito, sono seduti sull’immeritata eredità del PCI (storia rigettata senza problemi da Veltroni e D’Alema) e di coloro che pagarono con carcere e violenze la resistenza al nazi-fascismo e le lotte sindacali del dopoguerra contro un padronato che si faceva le leggi ad-personam sul monopolio della violenza, dovremmo notare che il “tesoretto” elettorale su cui stanno seduti si é ristretto pericolosamente negli ultimi lustri: non stanno più seduti su di un rassicurante 33% di consensi ma devono preoccuparsi di raggiungerne il 20 %.

Certo, la transazione funzionariato statale assicurato in cambio dell’abbandono di qualsiasi idealità ed obiettivo politico negli interessi delle classi subalterne, inizialmente ha pagato. Ma alla lunga questa scelta sta dimostrando il fiato corto. Non si parla solo di perdita del consenso ma anche di uno stop nell’allargamento della sfera di influenza economica. Il PD, come tutta la classe dirigente/dominante italiana rischia di rimanere col cerino in mano nell’incapacità di gestire una situazione che, economicamente, diventerà sempre più difficile. Non solo. La subalternità di questo paese alle vere potenze europee ed ai padroni americani non mancherà di produrre scuotimenti distruttivi nella struttura di dominio italiano.

Perciò è prevedibile un ridimensionamento che durerà anni, in cui tutto è possibile. Anche che si cambi opportunamente nome al partito (leggero): degna prosecuzione di un conglomerato nato come “cosa”.

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s