Il problema dei detrattori di Chavez si chiama malafede.

Il presidente del Venezuela è un personaggio controverso; sa mischiare nazionalismo a socialismo, indipendenza nazionale con giustizia sociale, alleanze discutibili con progetti di costruzione di un mondo multi-polare. Magari più giusto. E, ad essere sinceri e giusti, bisogna ammettere che qualche risultato lo ha ottenuto, soprattutto su due piani: quello della giustizia sociale e quello dell’indipendenza nazionale.

Un punto su cui insistono i suoi detrattori ha a che fare con il livello della violenza criminale che impera in Venezuela e, soprattutto nelle grandi città, Caracas in testa. Tra parentesi, la storia (vera, per l’amor di Dio) della criminalità, esce dopo che l’opposizione a Chavez ha fallito nel mettere in discussione la sua presunta anti-democraticità. Da questi discorsi, sembrerebbe che la criminalità in Venezuela sia nata da quando Chavez è un problema politico per gli abbienti venezuelani e gli statunitensi. Non ci ricordiamo più il prima.

Io, invece, ricordo bene anche il prima, e ricordo di aver visto un dossier della Rai nel 1982, ben prima di Chavez, sulla terrificante violenza delle bande criminali di Caracas. Ciò che vidi alla TV (mamma RAI aveva sempre ragione, soprattutto quando c’era ancora il Muro di Berlino in piedi) fu confermato dalle mie dirette conoscenze di immigrati venezuelani, dai quali ricevetti innumeri confidenze (fu tra il 1984 e il 1987) sulla difficoltà di vivere in quel paese.

Ciò che essi mi dissero spiegava il motivo dell’arruolamento volontario dei giovani venezuelani tra le file criminali: si trattava di disperazione, figlia di una spaventosa miseria morale e materiale. Tuttavia, secondo la pubblicistica mainstream, il problema è di Chavez. Prima, funzionava tutto a meraviglia e, immagino, i poveri stavano al loro posto.

Che egli non sia ancora venuto a capo della cosa (ma nemmeno noi in Italia della nostra criminalità, una delle più ferrate al mondo!) è vero ed è una delle cose più antipatiche del suo governo. Però sarebbe altrettanto corretto indagare e comprendere da quale livello (sbagliato) parte la società venezuelana: dal livello di chi si fa giustizia sociale da solo perchè per troppo tempo è rimasto abbandonato ai margini di una società dove i ricchi compravano per pochi soldi il lavoro e le vite dei diseredati.

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s