Obama il [grande] trucco?

Scongiurata la ripugnante proposta politica di Romney, ritorniamo ad avere a che fare con Obama. Prima, però, lasciatemi dire due cose su Romney: non solo egli non aveva alcuna ricetta politica per gli Stati Uniti di oggi, se non la minestra riscaldata del liberismo selvaggio e fallimentare visto fin qui, ma ha la testa piena di idee tanto bacate quanto false. I suoi sostenitori sono tuttora convinti che gli USA, sotto Obama, stia diventando una repubblica socialista sovietica…..è proprio vero che la madre degli imbecilli è sempre incinta: nonostante un lieve miglioramento della situazione economica statunitense, fatta pagare a tutti noi che siamo stati inondati da carta straccia sotto forma di biglietto verde, unico espediente della FED per superare, svalutando, i propri problemi, nonostante ciò, sono aumentati i disoccupati. E non dimentichiamo la violenta guerra finanziaria ai danni dell’Europa, che Obama si è ben guardato dal reprimere.

Tuttavia…immaginate di avere un paese allo sbando impegnato in una guerra infinita, con dei cittadini impoveriti da lunghi anni di rapina dei loro portafogli; di avere le fabbriche sottoutilizzate se non ferme; della gente che vive nei caravans o sotto le tende o nei portoni di qualche condominio abbandonato; immaginate ancora di essere indebitato con tutti i vostri vicini (e meno vicini) che però fortunatamente non hanno il coraggio di chiedervi indietro i soldi anche perchè in quel caso dovrebbero prendersi la responsabilità di usarli coscienziosamente. E anche perché, tutto sommato, confidano che voi li aiutiate a sopravvivere (con tutti i vostri guai, immaginatevi!). Continuate ad immaginare l’agitazione e il terremoto sociale che avanzano ogni giorno fra i vostri cittadini: quale sarebbe la prima misura da adottare per ridar loro fiducia in un sistema che rischia il definitivo sputtanamento planetario e che, quindi, va salvato a tutti i costi? Intendo, una misura che sia in grado di convogliare la rabbia, la frustrazione, in un processo di liberazione collettivo…

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s