Si scrive GARBATO ma si legge SPIETATO.

Dicono che Monti sia garbato. In certi posti e con certa gente, potrebbe anche esserlo. Per lo meno così viene descritto usualmente dai nostri media mainstream la cui proverbiale superficialità non è indice di affidabilità. Ditemi voi se sia vero o meno. Sta di fatto che coloro che lavorano in quei media, periodicamente strillano di libertà di espressione violata ma oltre quella superficialità non vanno. Uno come il Nostro che di pensione dalla Banca d’Italia e senza considerare emolumenti da altri incarichi prende, dopo rivalutazioni e simili, qualcosa come 30mila euro al mese (correggete questo dato se avete più accurate notizie in proposito), dovrebbe forse essere pure sgarbato? No, tutt’altro: deve pur rivalutare il suo investimento perseguendo con zelo gli interessi di chi lo paga.

Per cui ora si deve passare a mettere le mani sulla sanità. Vediamo la situazione già in atto: si tagliano posti letto e servizi ospedalieri senza potenziare quelli sul territorio. Sono bloccati contratti e retribuzioni per colpire il personale; i precari sono licenziati, indebolendo così il servizio per assenza di turnover; si aumenta il prezzo del ticket avvicinandolo al costo di un servizio privato. Si deve obbligare la gente a sborsare altri denari per farsi una polizza assicurativa privata per la salute. Tutte queste cose insieme vanno nella direzione di smantellare il servizio pubblico (che in queste condizioni mai potrà funzionare bene) per privatizzarlo, magari sullo stile Medicare, che negli USA è stato ed è un sostanziale fallimento, proprio perchè i servizi erogati sono così pochi che non possono soddisfare fino in fondo alcuna richiesta di tutela della salute. Una sanità per poveri ed una per ricchi, dunque. Complimenti al garbato Monti.

Ovviamente non basta: questi tecnici che sono allo stesso tempo politici e dirigenti di importanti istituti finanziari internazionali, apologeti del capitalismo, non si accontentano. Si stanno, anzi, muovendo nella direzione di abolire, con garbo s’intende, l’IMU per le scuole cattoliche (dopotutto i poteri si devono reggere a vicenda!) e a ricorrere in Europa contro la procreazione assistita. Di nuovo complimenti.

Tuttavia, la critica da rivolgere a Monti è più vasta ed universale come i diritti che intende colpire. Egli rappresenta quel vecchiume concettuale e metodologico con cui lui e la sua squadra affrontano i problemi. Il solito sistema alla Sceriffo di Nottingham: trasferire ricchezza dai poveri ai ricchi, dal lavoro vivo al capitale, dal presente al passato, da ciò che può essere fatto qui ed ora a ciò che si è ereditato. Un atteggiamento vecchio e sorpassato che crea ulteriori danni e divisioni profonde nella società italiana già incapace di progresso. Al garbo di Monti continuo a preferire il pane ai poveri.

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s