Quando parliamo di culture.

450px-Isfahan_1210130_nevitMouhammadou, dopo averti stretto la mano, appoggia la propria sul cuore. Gli hai toccato il cuore, sei entrato nella sua anima, sei parte di lui e, ricco e consapevole di questa relazione, egli si comporterà con te. Tu, invece, secondo i dettami della tua morale, coerente col costume del tuo mondo, non gli permetterai di accomodarsi nel giardino della tua anima, di albergare nel tuo cuore: non così presto almeno. Tu costruirai un confine per mezzo del quale lo terrai a debita distanza da te. Il palmo della tua mano toccherà il suo e tutto finirà lì. E’ già tanto per te e per i tuoi simili a queste latitudini.

Dopotutto dicono, diciamo, sono molte le cose che ci separano: pelle, cultura, lingua, costumi, società, politica. Certo, dentro siamo tutti uguali, la pianta dei piedi ed i palmi delle nostre mani sono uguali. Ma il problema é proprio questo, andare oltre la superficie delle cose, oltre le apparenze. E perché poi? Ci si guadagna qualcosa ad andare in profondità? La domanda di cui tenere conto é questa. Siamo costretti a tenerne conto.

Tuttavia qui non si tratta solo di Mouhammadou, senegalese di Pikine, ma anche di Hossein , iraniano di Tehran che, pure lui, a 53 anni mi saluta con un sorriso ingenuo e disarmante appoggiandosi la mano sul cuore. Quando chiede un favore lo fa con dolcezza e ti lascia tutto il tempo di organizzarti per soddisfarlo. La grazia posseduta da questi due uomini è incredibile. Hossein ha una moglie. Ogni tanto viene a trovarlo. Indossa il velo islamico, tuttavia è lei ad impartire gli ordini, come molto spesso succede anche qui in occidente, e non lui. Non c’è volgarità, pretenziosità, spocchia in loro. Vengono da mondi non solo diversi dal nostro ma pure diversi fra loro stessi. Mondi, i loro, con meno oggetti materiali e superflui, con culture migliorabili ma non rese del tutto irriconoscibili dalla forza corruttrice del danaro e del possedere. Mondi, dove le radici sono più profonde delle nostre e non basta l’inondazione di oggetti e stili di vita mercificati a sradicarle. A riprova di ciò, dobbiamo ricordare che non è la mancanza di tecnologia o una presunta arretratezza a renderli così (Internet o la TV sono presenti pure lì, come anche le automobili e le griffe) ma la forza originaria della loro cultura profonda in confronto alla fragilità della nostra che è stata soppiantata così facilmente da una promessa tanto falsa quanto irrealizzabile di trasformarci tutti in personaggi da saga americana.

A grandi linee era questo che sosteneva Roberto Calasso, della Casa Editrice Adelphi, le cui parole ho ritrovato nella mia esperienza quotidiana. Calasso, parlando dei Veda, un popolo che ha lasciato quasi solo tracce scritte, diceva che essi sono ancora tra noi nei rituali degli induisti che a milioni ogni giorno eseguono gli stessi movimenti nell’atto di adorare le loro divinità. Ed osservava, Calasso, il fatto che in Occidente nessuno più pregava come facevano gli antichi greci e a spiegazione di ciò diceva che la spinta iniziale alla cultura dei Veda fu infinitamente più grande di quella dei Greci dell’antichità, tanto più grande da riuscire ad influenzare anche i gesti quotidiani di centinaia di milioni di persone in un paese che ha industrie avanzate ed un know how tecnologico rispettabile.

VISITA ANCHE FLACONS WEB SERVICE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s