La marijuana.

Cenni storici (ma consiglio lettura approfondita di Marijuana, Einaudi Stile Libero, non ricordo l’autore). La pianta più diffusa del mondo, la canapa, viene utilizzata fino agli anni ‘30 in tutto il mondo per fare tutto. I cordami delle navi, per sigillare i tubi idraulici, vestiti, carta, alimentazione. Si scopre che una particolare qualità, la cannabis indica, provoca brevi stati di alterazione mentale (la fame chimica, rallentamento della percezione, ecc.). Il caso vuole che in quegli anni negli USA succedono 2 cose fondamentali. Fallisce il grande progetto proibizionistico di Aslinger. Viene inventato quel coso sigillante chiamato Teflon.
Aslinger sta per perdere il lavoro, il proibizionismo anti-alcool è stato un fallimento senza precedenti. L’America ha pochissima marijuana (produttori maggiori sono Russia e Italia), e le industrie chimico-plastiche produttrici di Teflon, dopo qualche anno, sono sull’orlo del collasso perchè la canapa costa di meno. A ciò si aggiunge che la cannabis indica, meno costosa del tabacco, viene molto usata dalle comunità povere (principalmente neri e ispanici).
Vi bastano come elementi dell’equazione? Aslinger fa proiettare nelle scuole “documentari” fatti a tavolino sulla dannosità dell’erba, si pubblicano falsi articoli su giornali nazionali di efferati delitti compiuti sotto l’effetto della sostanza. Non basta, il nostro amico fornisce false prove alle Nazioni Unite sulla sua dannosità. FALSE PROVE. Fa respirare artificialmente tramite delle maschere a dei primati i fumi di marijuana, tralasciando di farli respirare anche ossigeno. I primati muoiono di asfissia, la marijuana fa male.
Grazie alle Nazioni Unite, viene bandita da quasi tutto il mondo. Da legale che era, le immense piantagioni passano sotto il controllo della malavita organizzata (che ringrazia) o vengono distrutte. I vestiti di canapa, molto più ecologici, economici e resistenti degli stramaledetti jeans che mettiamo ogni giorno spariscono. Il teflon viene venduto a miliardi di tonnellate i tutto il mondo, le corde delle navi vengono negli anni fatte di fibre ricavate (guarda un pò) dal petrolio.
Cenni chimici: quello che fa “sballare” nella marijuana è il THC (transbetanovetetraidrocanabiolo.. e scusatemi se lo scrivo sbagliato). Che: ha una soglia di overdose così alta che dovreste fumarvi una piantagione intera prima di morire. Non dà dipendenza fisica (quella che conta, perchè, come diceva qualcuno, quella psicologica si può avere anche per la tv o i baci perugina). Non genera problematiche sociali. Non è dannosa per la salute (vi fate molto più male perchè la mischiate con il tabacco, che fa male). Se è buona (ma se è erba lo è, discorso a parte per l’hascish, o fumo) fa anzi zero male, non come le sigarette che hanno il 2% medio di tabacco e il resto è merda). Non crea disagi come l’alcool: se guidate un’auto dopo uno spinello, non vi schiantate perchè difficilmente superate i 40… se non si mischia con altre robe, alcool e cocaina in primis che hanno effetti opposti o molto diversi e fanno andare in tilt completo le vostre percezioni, mischiate assieme.

VISITA ANCHE FLACONS WEB SERVICE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s