Ciclo.

200px-Wuxingyinyang.svgPuò il passato prevalere sul presente? Poniamo due condizioni estreme ed opposte: da una parte un legame profondo ed indissolubile col passato; dall’altra un vitalismo proiettato al domani senza nessun affetto radicato nel passato.

Può la nostalgia prevalere sul vitalismo senza remore del presente?

Il passato non può essere vissuto se non come un presente di un certo numero di anni fa. Ed essendo stato vissuto esistenzialmente, non lo si può certo richiamare in vita con poche parole, magari ad effetto, e nemmeno con i sentimenti e le teorizzazioni. La nostalgia per un tempo vissuto può rallentarci nel nostro cammino di ogni giorno, immersi nella quotidianità densa di pragmatismo e di scelte piene di mediazioni. Ma é, la nostalgia, un sintomo, una sorta di campanello d’allarme di un’esigenza interiore dettata dalla nostra psiche che non s’adagia mai. Per qualcuno, essa ha significato rimanere collegato più saldamente al proprio passato familiare, ai genitori e ai parenti, attraverso ciò che di significativo hanno vissuto e ci hanno lasciato. Ricercare ciò che hanno incrociato lungo la loro vita, in fondo, ha significato stargli vicino e regalargli ulteriore presenza in questo mondo dove – inevitabilmente – tutto si spegne per riaccendersi sotto diverse spoglie o apparenze.

Nulla può dare l’immortalità se non la certezza che all’interno delle leggi che fanno funzionare l’universo, uno potrà esserci comunque, anche senza questa specifica coscienza, in una diversa dimensione e, forse, espressione dell’essere. In questo senso, un figlio ti fa morire meno ma comunque. Inevitabilmente il tempo obnubila tutte le memorie, anche quelle più solide. A te non rimane altro che la prova che ci sei perché qualcun altro c’è stato prima di te ma non saprai mai chi questo qualcun altro é stato veramente. E questo é un argomento fortissimo a favore della forza del passato, misterioso, violento ma determinante mentre non lo é il futuro, nel quale non siamo sicuri che ci saremo.

Ricercare nel passato di coloro che ti hanno preceduto, in qualche modo valorizza la loro esistenza, rendendola meno caduca, e al tempo stesso, rende più duratura la relazione che non potrà che estinguersi, che hai con costoro. L’intuizione umana cerca di fermare il tempo e di dargli dei connotati duraturi. Focalizzarsi su una storia o su un obiettivo ti permette di creare, atto eterno ed eternamente ripetibile in innumerevoli varianti, anche se il frutto della tua creazione necessariamente si trasformerà e, con l’andar del tempo, sparirà.

VISITA FLACONS WEB SERVICE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s