Globalizzazione e immigrazione.

386px-Italian_fascist_and_black_woman_in_Abyssinia_1936Di immigrazione non si parla quasi più. La questione sembra bandita. Non perchè non esiste ma perchè è stata convogliata in una sorta di quotidianità in cui la scala gerarchica tra gli uomini ha previsto un posto anche per gli immigrati: il fondo. Abbiamo sempre saputo che: l’immigrazione è dovuta non solo a problemi economici ma anche guerre e malattie…ma tornando sull’aspetto economico non basta nemmeno “aiutare ad organizzare economicamente”, un po’ generico perchè il punto sta nel dare una giusta autodeterminazione ai popoli che oggi subiscono lo sfruttamento…devono poter gestire le loro risorse autonomamente dagli interessi occidentali e dai loro stessi governi “fantoccio”…per quello che riguarda l’Europa, essa non si è ancora costuita come potenza politica e morale, non può proprio….gioco-forza…chi ha voluto questa unificazione (economica-finanziaria) non aveva e non ha questi obiettivi.

Tuttavia, oltre queste considerazioni dobbiamo affrontare ulteriori questioni, di vecchia data. Una è: i musulmani ci minacciano, noi minacciamo i musulmani, o forse ci minacciamo a vicenda? Gli immigrati in generale, oltre l’appartenenza religiosa, minacciano la nostra società? Alcuni dati sul tipo di accoglienza che una fetta d’Europa riservava loro:

1)Osservatorio Europeo per il razzismo e la xenofobia segnala: moschee incendiate, aggressioni fisiche e verbali, i musulmani hanno 3 volte meno possibilità di trovare lavoro, in Irlanda il tasso di disoccupazione tra i musulmani è dell’11% contro la media nazionale del 4%.2)Secondo il Parlamento Europeo (Centro Europeo Monitoraggio Razzismo e Xenofobia) razzismo e discriminazione sono in crescita nei paesi dell’Unione.Non è possibile fare una lista adeguata di episodi di matrice razzista nella civile Europa di questi ultimi anni, perchè occuperemmo parecchie pagine di Blog, ma citiamo alcuni casi indicativi:3)Sono stati circa 800 gli incidenti ed episodi di matrice razzista che si sono verificati nei Paesi Bassi dopo l’omicidio del regista Theo Van Gogh, ucciso ad Amsterdam il 2 novembre scorso da un marocchino-olandese. 4) 2 attentati vengono compiuti contro una moschea a Nervesa della Battaglia (Treviso) e contro un’autovettura di un cittadino cingalese. 5)Atti perpetrati da alcuni consiglieri della Lega Nord (2/3/2005) incitanti all’odio e alla discriminazione razziale verso gli zingari. (Verona, condannati con sentenza del Tribunale).

6)Tifoserie scatenate con cori ed insulti razzisti.

7)Federazione internazionale di Helsinki per i diritti umani: dopo l’11/9 musulmani più discriminati in Europa.

8)11 marzo 2005: 2 gemelli quindicenni vengono aggrediti, a San Cesareo, da cinque coetanei davanti alla media Cesare Pavese, solo perchè romeni. Solo l’intervento risoluto della polizia municipale ha evitato conseguenze più gravi, ma gli occhi tumefatti, i tagli sul viso e le lesioni sulla testa riportate da una delle vittime, non lasciano dubbi sulla brutalità dell’aggressione.

9)31/3/2005: Un ragazzo italiano su 5, fra i 14 e i 18 anni, mostra atteggiamenti di rifiuto verso le minoranze culturali. È questo uno dei risultati che emerge da un’indagine sulla diffusione dell’intolleranza fra i giovani italiani. L’indagine, commissionata dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, in collaborazione con il Comune e con l’Indire, l’Istituto nazionale di documentazione per l’innovazione e la ricerca educativa ed è stata condotta da Enzo Campelli, docente di Metodologia delle scienze sociali all’Università La Sapienza di Roma.

10)Agli extracomunitari: Affitti negati, molestie, super carichi di lavoro, dipendenti sottopagati, secondo i dati dell’Ufficio nazionale anti-discriminazioni delle Pari opportunità. Dal dicembre 2004 alla fine di aprile 2005 ricevute oltre 3 mila segnalazioni.

11)Ricordiamo Borghezio che dava fuoco ai pagliericci degli extracomunitari accampati sotto il ponte Principessa Clotilde nel capoluogo piemontese?E qui mi fermo, per il momento, sapendo che questi fatti non sono risolvibili con la cittadinanza o la regolarizzazione del lavoratore immigrato e sono l’effetto di ben altre cause. Come ho già scritto qui, sicuramente gli immigrati verranno integrati solo dal punto di vista del mercato. Che non esclude violenze, giochetti di “bastone e carota”, perchè il mercato è fondamentalmente violento.

VISITA FLACONS WEB SERVICE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s