L’ultimo assalto di Israele a Gaza. L’Operazione Pilastro di Difesa, poco più di un anno dopo.

[Traduco dall’inglese Cosa è veramente successo, di Norman Finkelstein.]

28 Nov 2012

Norman_Finkelstein_says_by_Latuff2La versione ufficiale è che Israele abbia lanciato Pilastro di Difesa il 14 novembre 2012 perché, nelle parole del presidente Barack Obama, aveva “tutto il diritto di difendersi”.

In questo caso, sarebbe stato Israele a difendersi dagli 800 attacchi missilistici provenienti dalla Striscia di Gaza dal gennaio di questo anno. [il 2012, ndt.*

I fatti, tuttavia, suggeriscono il contrario.

Dall’inizio del nuovo anno, un israeliano era stato ucciso a seguito degli attacchi su Gaza, mentre 78 abitanti di Gaza erano stati uccisi da attacchi israeliani. Il potere dominante a Gaza, Hamas, era per lo più impegnato a prevenire gli attacchi. Infatti, Ahmed al-Jaabari, il leader di Hamas il cui assassinio da parte di Israele ha innescato l’attuale ciclo di combattimenti, è stato considerato da Israele come il fiduciario dei periodici cessate il fuoco, ed era in procinto di far rispettare il prossimo cessate il fuoco prima di venire liquidato.

Hamas ha più volte chiuso un occhio, o ha impedito un’escalation, quando le provocazioni israeliane hanno causato attacchi di rappresaglia anche da parte dei rivali islamici di Hamas. Le vicissitudini della vita han fatto si che Jaabari venisse scelto come collaboratore di Israele per conto dell’Autorità palestinese.

E ‘stato ipotizzato che Hamas abbia avuto il prurito per un confronto con Israele.

Ma lo scorso anno Hamas si è data una mossa. La sua anima gemella ideologica, i Fratelli Musulmani, sono saliti al potere in Egitto. L’emiro del Qatar è arrivato a Gaza portando la promessa di 400 milioni di dollari di aiuti, mentre il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan ha in programma di visitare Gaza subito dopo. In Cisgiordania molti palestinesi invidiano (a torto o a ragione) gli abitanti di Gaza presumendo fossero andati meglio economicamente. Nel frattempo, l’Università islamica di Gaza è anche riuscita ad organizzare una conferenza accademica curata dal famoso linguista Noam Chomsky.

La stella di Hamas si stava lentamente ma inesorabilmente imponendo, a spese della sfortunata Autorità palestinese. L’ultima cosa di cui aveva bisogno in quel momento era un confronto inevitabilmente distruttivo con Israele, che poteva mettere a rischio questi spazi duramente conquistati, i cui utili erano in costante aumento.

D’altra parte, molti israeliani avevano cinicamente ipotizzato che il primo ministro Benjamin Netanyahu avesse avviato l’operazione, al fine di aumentare le sue possibilità di essere eletto nel mese di gennaio 2013.

Come regola generale, tuttavia, i leader israeliani non scatenano le principali operazioni militari per questioni elettorali in cui gli interessi di Stato più significativi siano in gioco. Il fatto che il ministro della Difesa Ehud Barak avesse abbandonato la politica subito dopo che l’ultima operazione si fosse conclusa e la sua popolarità fosse migliorata suggerisce come le prossime elezioni non fossero per lui una priorità. [1]

Perché, allora, Israele ha attaccato?

In un certo senso, Israele era coerente col suo movente. E continuava a dire, in modo credibile, di voler ripristinare la sua “capacità di deterrenza”, cioè, la paura di esso nel mondo arabo / musulmano.

Il vero problema, tuttavia, è la natura della minaccia che voleva scoraggiare.

L’ultimo attacco israeliano a Gaza si è svolto in un contesto più ampio di una successione di errori di politica estera.

Netanyahu ha cercato di mobilitare la comunità internazionale per un attacco contro l’Iran, mentre Hezbollah si è vantato che un suo drone era penetrato nello spazio aereo israeliano, e quindi si era riservato il diritto di entrare nello spazio aereo israeliano a proprio capriccio. Ora, il suo gemello “terrorista” a Gaza ha guadagnato rispettabilità nel mondo arabo / musulmano alle porte di Israele.

I nativi stavano diventando irrequieti. Era il momento di ricordare ancora una volta alla gente del posto chi fosse il capo.

E’ stato osservato come Pilastro di Difesa fosse un tentativo di dimostrare che la fiducia ritrovata di Hamas fosse del tutto prematura e che il risveglio islamico, nonostante i cambiamenti occorsi in Medio Oriente, non avrebbe influito molto.

Eppure, Israele aveva bisogno di un pretesto adeguato. Quindi, così come sapeva che la rottura del cessate il fuoco nel novembre 2008, uccidendo sei miliziani di Hamas avrebbe evocato una risposta massiccia, doveva anche sapere che l’uccisione di Jaabari avrebbe evocato una risposta simile.

L’assalto israeliano attuale, tuttavia, si differenzia sostanzialmente dal Piombo Fuso (OCL) nel 2008-9: è stato qualitativamente meno omicida e distruttivo. Molti commentatori ne hanno dedotto che Israele aveva usato armi più precise questa volta e, allo stesso tempo, che Israele aveva “imparato la lezione” da OCL su come evitare vittime civili.

Infatti, il 99 per cento degli attacchi aerei israeliani, durante l’Operazione Piombo Fuso, non ha colpito accuratamente i bersagli, e l’obiettivo dell’operazione fu -per usare le parole del Rapporto Goldstone, sostenute da decine di organizzazioni per i diritti umani – quello di “punire, umiliare e terrorizzare” la popolazione civile di Gaza.

Se l’ultimo attacco di Israele si è dimostrato meno letale in confronto, lo è stato in virtù dei vincoli politici senza precedenti ad esso imposti.

Turchia ed Egitto hanno reso perfettamente chiaro che non si sarebbero seduti a guardare se Israele avesse lanciato una replica di OCL. Fin dall’inizio, è stata attivata una linea rossa. Anche se ufficialmente negata, è stata attendibilmente riferita al momento in cui Obama, senza dubbio spronato da questi attori chiave a livello regionale, consigliava di non invadere Israele.

Israele aveva disatteso il rapporto Goldstone. Era riuscito a eludere, la prima volta, l’azione penale presso la Corte penale internazionale e il perseguimento promosso da diversi paesi per i suoi crimini di guerra e contro l’umanità. Ma la seconda volta poteva non essere così fortunata.

Gaza pullulava di giornalisti stranieri. Prima di OCL, Israele aveva chiuso, sigillato Gaza dal mondo esterno con la collaborazione dell’Egitto di Hosni Mubarak. Nella fase iniziale dell’ attacco, Israele aveva goduto del quasi totale monopolio sulla sua copertura mediatica. Ma ora, i giornalisti potevano liberamente entrare a Gaza e credibilmente segnalare le atrocità israeliane in tempo reale.

A causa di questa compresenza di fattori, Israele ha attaccato siti che potevano essere considerati “legittimi”. E’ vero che circa 70 civili palestinesi sono stati uccisi, ma potrebbero essere “derubricati” come “danni collaterali”.

I morti e i feriti civili durante l’assalto israeliano, anche se molto meno nelle fasi precedenti del conflitto, hanno ricevuto profonda copertura mediatica. Quando Israele ha testato i limiti della legittimità militare, sono cominciati i guai. Dopo aver raso al suolo strutture civili e di governo a Gaza, si poteva leggere sul sito del New York Times: “Israele colpisce edifici civili.” Poche ore dopo gli edifici civili si trasformarono in “edifici pubblici” (senza dubbio dopo una chiamata dal consolato israeliano). Eppure, la prova stava nelle distruzioni: la condotta israeliana veniva attentamente esaminata da estranei, per cui era meglio procedere con cautela.

Le eccezioni salienti sono uscite durante i negoziati finali per il cessate il fuoco quando Israele ha fatto ricorso alle sue tattiche terroristiche standard, al fine di trarre le migliori condizioni possibili, puntando anche sui giornalisti nel caso in cui i negoziati fossero falliti e avrebbe dovuto, dopo tutto, avviare l’invasione.

La resistenza armata di Hamas messa in atto durante gli otto giorni di assalto israeliano era in gran parte simbolica. Anche se Israele ha acclamato il successo di Iron Dome, quasi certamente non è stata in grado di salvare tante e forse non tutte le vite. Durante OCL circa 800 proiettili al fosforo bianco in Israele hanno ucciso tre civili israeliani, mentre durante il recente attacco di Israele circa 1.400 proiettili al fosforo hanno ucciso quattro civili israeliani.

E’ improbabile che, come opzione pur nell’eccezione occasionale, Hamas abbia usato molte più armi tecnologicamente avanzate rispetto all’ultima volta. Attraverso il suo esercito di informatori e la sorveglianza aerea hi-tech Israele può essere stato a conoscenza delle grandi quantità di armi sofisticate di Hamas e abbia distrutto questi nascondigli prima o durante il primo giorno dell’attacco. E’ anche improbabile che Netanyahu abbia rischiato un attacco proprio alla vigilia delle elezioni se Hamas fosse stato in possesso di armi in grado di infliggere significative vittime civili. Una manciata di proiettili di Hamas ha raggiunto più in profondità l’interno di Israele rispetto a prima, ma questi non avevano a bordo esplosivi, mentre un funzionario israeliano beffardamente li ha descritti come “i tubi, in fondo.”

Se Israele ha sbandierato Iron Dome, è perché la sua efficacia è stata il presunto unico risultato a cui Israele può puntare nella resa dei conti finale.

Il culmine dell’assalto di Israele è venuto quando è stato in grado di spezzare lo spirito del popolo di Gaza. Da un lato, esso aveva esaurito tutti i bersagli militari pianificati in precedenza e, dall’altro, non poteva colpire la popolazione civile. Hamas aveva adattato con successo la strategia di Hezbollah di sparare continuamente i suoi proiettili, il risultato psicologico dei quali era che Israele non poteva dichiarare la sua capacità di deterrenza come ripristinata, costringendo in tal modo gli israeliani ad un’invasione di terra.

Israele non poteva lanciare una siffatta invasione, però, senza subire significative perdite combattenti a meno che la Forze di Difesa Israeliane (IDF) avessero fatto saltare tutto e tutti dentro e fuori la propria vista durante il loro percorso a Gaza. Ma, a causa del contesto circostante, il riallineamento regionale dopo la primavera araba, e la Turchia sotto Erdogan, la minaccia di una “mega-Goldstone”, come un anziano commentatore israeliano ha ammesso, la presenza di una politica estera con giornalisti accreditati non incorporati nell’ IDF ma tra il popolo di Gaza, avrebbe impedito a Israele di lanciare un OCL nello stile invasione di terra.

Israele è stato così tra l’incudine e il martello. Non poteva sottomettere Hamas senza un’invasione di terra, ma non era possibile avviare un’invasione di terra senza incorrere in un prezzo politicamente inaccettabile di vittime dell’IDF e di un massacro globale.

E ‘ possibile individuare il momento preciso in cui l’assalto israeliano era finito: la conferenza stampa del 19 novembre in cui il leader di Hamas Khalid Mishal si rivolse ad Israele dicendo: andate avanti, invadete!

Netanyahu finì in preda al panico, il suo bluff scoperto, facendo rimanere Israele esposto, nudo, davanti al mondo intero. Quello che è successo dopo è stata una ripetizione dell’invasione israeliana del Libano del 2006. Incapace di fermare gli attacchi missilistici di Hezbollah, ma temendo la prospettiva di un’invasione di terra che significava problemi con il Partito di Dio, Israele, chiamò il segretario di Stato Condoleezza Rice a negoziare un cessate il fuoco. Questa volta il segretario di Stato Hillary Clinton è stata convocato per salvare Israele. Nemmeno il 21 novembre ad avvenuto bombardamento del bus a Tel Aviv che, avrebbe normalmente suscitato una massiccia rappresaglia israeliana, Netanyahu, fu scosso dalla sua determinazione a terminare l’operazione immediatamente, prima che Hamas avesse ripreso la sua provocazione.

I termini dell’accordo finale hanno segnato una splendida sconfitta per Israele. E’ stato chiesto un cessate il fuoco reciproco, non unilaterale, come Israele aveva chiesto, imposto solo ad Hamas. E ‘ stato incluso anche un accenno che implicava che l’assedio di Gaza sarebbe stato abolito. In particolare, non ha incluso la condizione che Hamas deve cessare l’importazione o la produzione di armi. Il motivo per cui ciò è successo non è difficile da trovare. Secondo il diritto internazionale, i popoli che resistono l’occupazione straniera hanno il diritto (o, come alcuni esperti di diritto internazionale più cautamente sostengono, hanno la licenza) all’uso della forza armata. L’Egitto, che aveva mediato il cessate il fuoco, non aveva intenzione di accettare una clausola che avesse ammesso il diritto legale di Hamas. [2]

Israele senza dubbio auspicava che gli Stati Uniti avrebbero usato la loro influenza politica per ottenere il risultato migliore nella trattativa con l’Egitto. Ma l’amministrazione Obama, ponendo gli interessi americani prima e di conseguenza, volendo portare il nuovo Egitto sotto la sua ala, non era disposto (ammesso che potesse esserlo) a farla da padrone in Egitto per conto di Israele.

Se fossero rimasti dubbi su chi ha vinto e chi ha perso nell’ultimo round, questi sono stati rapidamente dissipati. Israele ha lanciato l’attacco per ripristinare la paura a Gaza. Ma dopo il cessate il fuoco e l’annuncio delle sue condizioni, i palestinesi hanno invaso le strade di Gaza in uno stato d’animo celebrativo, come se fossero stati ad una festa di nozze. In un’intervista alla CNN con Christiane Amanpour, Hamas Mishal faceva trasparire tutta la fiducia di un leader mondiale. Nel frattempo, mentre la conferenza stampa israeliana annuncia il cessate il fuoco, la sentenza del triumvirato-Netanyahu, Barak e il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman-somigliava a quella dello studente chiamato giù nell’ufficio del preside

[…]

E ‘altrettanto improbabile che l’Egitto saprà spingere gli Stati Uniti a far rispettare i termini del cessate il fuoco ad Israele. I rispettivi interessi del nuovo Egitto e Hamas per lo più divergenti, continueranno a non convergono. L’Egitto ha disperatamente bisogno di sovvenzioni americane, e sta attualmente negoziando 5 miliardi di dollari di prestito del Fondo Monetario Internazionale, in cui il voto di Washington è decisivo. La popolarità del governo del presidente Mohammed Morsi in ultima analisi, dipenderà da quello che offre agli egiziani, non agli abitanti di Gaza.

Nel frattempo, le élite politiche americane stanno lodando Morsi, accarezzando il suo ego, e speculando sul “rapporto speciale”, coltivato con Obama. Coloro che hanno familiarità con le manipolazioni psicologiche degli Stati Uniti quando si tratta di capi-arabi in particolare, quelli spregevolmente mediocri come Anwar Sadat, non saranno sorpresi dalla condotta corrente degli Stati Uniti nei confronti di Morsi.

È anche improbabile che la Turchia possa esercitare un ruolo per conto di Hamas. […]  La Turchia è stato riferito, è stata squalificata perché durante l’assalto ha etichettato Israele come uno “stato terrorista”, mentre l’Egitto  ha accusato Israele di “soli atti di aggressione, omicidio e spargimento di sangue.”

La Turchia sta trattando ancora, aspirando ad essere partnerregionale degli Stati Uniti, e calcolando che la via per Washington passa per Tel Aviv, ha ripreso contatti con Israele per porre fine alla situazione di stallo diplomatico dopo che Israele ha ucciso otto turchi a bordo di una nave umanitaria diretta a Gaza nel 2010 .

[…]

Sembra che molti palestinesi abbiano concluso dalla clamorosa sconfitta inflitta ad Israele che solo la resistenza armata può concludere l’occupazione israeliana. In realtà, però, la resistenza armata di Hamas funziona per la maggior parte solo a livello di percezione dei proiettili in direzione di Tel Aviv […]  ed è improbabile che i palestinesi possano mai radunare forze militari sufficienti da costringere Israele ad un ritiro dalla la West Bank.

Ma la fermezza di Gaza è stata dimostrata fino all’ultima ora dell’assalto israeliano con la volontà indomabile del popolo della Palestina. Se questa forza potenziale può essere sfruttata in una campagna di massa di resistenza civile, e se i sostenitori dei diritti dei palestinesi in tutto il mondo fanno il loro lavoro di mobilitare l’opinione pubblica e cambiare la politica dei governi, allora Israele può essere costretto a ritirarsi, col risultato di meno vite palestinesi perdute in una resistenza armata.

Questo articolo ha beneficiato di molte conversazioni con l’analista politico palestinese Mouin Rabbani e di Jamie Stern-Weiner nella parte dell’avvocato del diavolo.

Norman Finkelstein è autore di molti libri sul conflitto israelo-palestinese, il cui ultimo è: Perché la luna di miele ebraica americana con Israele sta volgendo al termine, e sta attualmente lavorando su un libro su come risolvere il conflitto con Mouin Rabbani.

[1] È stato anche ipotizzato che la coalizione di governo doveva fare qualcosa per placare l’indignazione popolare per gli attacchi di Hamas. Ma in realtà, questi attacchi sono stati appena registrati lo scorso anno sul radar politico di Israele, che invece stava concentrandosi soprattutto su Iran e questioni di politica interna.

[2] In una nota a margine diplomatica a Netanyahu, Obama ha vagamente promesso di “aiutare Israele a rispondere alle sue esigenze di sicurezza, in particolare la questione del contrabbando di armi ed esplosivi da e per Gaza.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s