Ombre cinesi. E acciaio tedesco.

740px-Puigaudeau,_Ferdinand_du_-_Chinese_Schadows,_the_RabbitGli stolti chiamavano “pace” il semplice allontanarsi del fronte.

Gli stolti difendevano la pace sostenendo il braccio armato del denaro.

Oltre la prima duna gli scontri proseguivano, […] il Cielo pieno d’acciaio e fumi, intere culture estirpate dalla Terra.

Gli stolti combattevano i nemici di oggi foraggiando quelli di domani.

Gli stolti gonfiavano il petto, parlavano di “libertà”, “democrazia”, “qui da noi”, mangiando i frutti di razzie e saccheggi.

Difendevano la civiltà da ombre cinesi di dinosauri.

Difendevano il pianeta da simulacri di asteroidi.

Difendevano l’ombra cinese di una civiltà.

Difendevano un simulacro di pianeta.

“54”, Wu Ming

A poco più di un mese dalla strage di Prato, tutto tace. Ci siamo dimenticati di tutto. Potremmo dire che è stata tutta un’ombra cinese. Che si presta a varie interpretazioni. L’unica cosa oggettiva è la base materiale in cui si muovono le realtà di cui parliamo. Grossi capitali “regolarizzati” nella molteplice rete commerciale cinese. L’interesse dell’operazione tocca non solo la Triade, il governo cinese che la include e la scala gerarchica degli immigrati che organizzano in loco il giochino ma anche gli italiani (proprietari immobiliari, professionisti, procacciatori d’affari….). Il capitalismo non ha nazione! Il problema è tutto interno ai “valori” del capitalismo e, come è ovvio, c’è chi opprime e chi è oppresso, o entrambe le cose, per/dalla necessità di fare profitti. Difendere unicamente la libertà di commercio dei cittadini cinesi o sino-italici che dir si voglia, cioé difendere le loro aspirazioni arrivistiche, è perfettamente in linea con questo sistema di cose. La destra parla di ordine pubblico perché non sa dire altro che queste frasi fatte per dividerci. La sinistra cerca di essere tollerante: ma è possibile essere tolleranti con chi fa lavorare la gente nei sottoscala solo per saldare un debito contratto in patria o semplicemente per investire un capitale in esubero? E’ mai possibile parlare della piaga degli incidenti sul lavoro e poi omettere ciò che succede ad altri lavoratori solo perchè non li si riconosce come parte di un’unica categoria di uomini che lavorano?

Se tanto è stato gridato sulla strage di Prato, nulla si è scritto per paragonarla a quella della Thyssen Krupp. Perché la strage della Krupp è stata totalmente offuscata? Perché fa tanto scalpore e scandalo ciò che è successo a Prato e ciò che ha visto responsabile la multinazionale tedesca viene fatto passare sotto silenzio? La risposta ve la siete già data. 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s