Estirpare la povertà?

800px-Grocery_LineVia: Outsider Club. [Traduco dall’inglese]

Con i prezzi alimentari alle stelle, questo fenomeno (del dumping alimentare, ndt) interessa chi deve sfamare una grande famiglia o solo cerca di mantenere basso il proprio conto alimentare . Ma i poveri sono particolarmente vulnerabili perché sono costretti a contrattare i prezzi .

Negli USA il Programma Supplemental Nutrition Assistance ( SNAP ) – quello cioè dei buoni pasto – fornisce solo $ 4,50 a persona al giorno . Chiunque cerchi di riempirsi per 4,50 dollari ogni giorno è costretto a sfruttare le svendite offerte dai negozi di alimentari, che in sostanza significa soccombere a una dieta che rischia di causare il diabete o il cancro.

E non è tutto .

Molti studi hanno anche dimostrato che i quartieri poveri hanno meno accesso ai supermercati, il che limita le opzioni dei consumatori.

Inoltre, una relazione da parte della Food Trust ha dimostrato che la qualità dei prodotti è semplicemente più basso in comunità a basso reddito e  di colore, rispetto ai quartieri più ricchi o razzialmente misti .

Per esempio, ad Albany , New York , l’80 % dei residenti non bianchi non riesce a trovare il latte a basso contenuto di grassi o il pane ad alto contenuto di fibre nei loro quartieri . E nella mia città natale, Baltimora , il 46% dei quartieri a basso reddito hanno un accesso limitato al cibo sano rispetto ad appena il 13 % di quartieri ad alto reddito .

Non sono solo le città ad avere questi dati, comunque.

Nel Mississippi rurale , le persone che vivono nelle contee dette de “Il cibo del deserto ” hanno il 23 % in meno di probabilità di consumare frutta e verdura.

Per quanto riguarda gli alimenti cancerogeni, è difficile dare la colpa solo ai negozi di alimentari . Viviamo in un paese con una potente lobby alimentare che ha combattuto duramente per mantenere la qualità – e i costi – molto bassi a scapito della nostra salute .

Basta guardare come le aziende importanti che utilizzano organismi geneticamente modificati (OGM), hanno avuto successo nel mantenere etichette compiacentisui propri prodotti .

L’Associazione dei produttor The Grocery – la mega corporation che è anche un gruppo di pressione che rappresenta 300 aziende , tra cui negozi di alimentari – ha fatto una campagna per disinformare e intimidire i legislatori con minacce di azioni legali nel caso tentassero di rendere operative le leggi in materia di etichettatura OGM .

Questa è la stessa organizzazione che ha fatto una petizione per permettere che gli OGM venissero considerati come “naturali” sulle confezioni degli alimenti .

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s