Operazione Condor.

389px-Operation_Condor_participants.svgNel 1980 i 2/3 della popolazione latinoamericana vive sotto regimi militari. La repressione sarà sistematica con soppressione delle libertà e dei diritti civili, commissariamento dei sindacati, annientamento delle confederazioni, divieto di scioperi e contrattazioni collettive, imbavagliamento della stampa e controllo su scuola, università e intellettuali.
PARAGUAY     1954-89     STROESSNER
ARGENTINA     1976-83     VIDELA
URUGUAY     1976-84     MENDEZ
BRASILE     1964-79     CASTELO BRANCO
ECUADOR     1972-79     RODRIGUEZ LANA
HAITI     1950-87     ESTIME’
HONDURAS     1963-80     ARELLANO
EL SALVADOR     1979-82     giunta militare
GUATEMALA     1954-86     ARMAS
BOLIVIA     1964-80     BARRIENTOS
CILE     1973-89     PINOCHET
NICARAGUA     1935-81     famiglia SOMOZA

L’insorgere delle dittature nei Paesi dell’America Latina aveva creato un gran flusso di esuli e rifugiati politici, che cercavano di riparare nei Paesi confinanti per sfuggire alle persecuzioni politiche. Ma nella seconda metà degli anni ’70 i regimi militari governavano un po’ ovunque. Fu allora che Manuel Contreras, capo dei servizi segreti cileni, ideò insieme alla CIA l’operazione CONDOR. Questa consisteva in una stretta collaborazione fra i servizi segreti, i paramilitari e gli squadroni della morte dei Paesi confinanti. Ad essa aderirono Argentina, Paraguay, Uruguay, Brasile, Perù, Bolivia e ovviamente Cile. Si venne a creare una sorte di “zona franca” in cui i militari potevano spostarsi liberamente per cercare i propri oppositori politici. I militari locali fornivano il loro appoggio nella ricerca, nel sequestro, nella tortura e nell’eliminazione silenziosa degli oppositori. La collaborazione permetteva un notevole scambio di informazioni fra i vari servizi segreti e condusse a una durissima repressione in tutti i Paesi citati. La CIA favorì gli incontri fra i vari agenti sudamericani, fornì addestramento, materiali per la tortura e finanziamenti. Una terza fase dell’operazione portò al controllo e all’eliminazione di politici rifugiatisi al di fuori dell’America Latina, Europa compresa.

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s