Piccole bugie viola: la disinformazione razzista del UKIP (United Kingdom Independence Party).

ukip1Via: International Socialist Network.

Come la maggior parte degli abitanti di Brighton sono recentemente tornato a casa e ho trovatoun volantino UKIP sul mio zerbino . Purtroppo l’UKIP aveva cancellato il mio indirizzo Freepost quando avevo pensato di rimandare indietro avvolto intorno ad un mattone i loro volantini assieme ad altri rifiuti assortiti . In questo foglio , l’UKIP fa una serie di affermazioni molto audaci sull’immigrazione , il tipo di affermazioni che sono – purtroppo – uniformi alla maggior parte dei settori politici . Il problema di questi racconti tradizionali (ed è un grosso problema ) è che non sono supportati da alcuna prova . Tristemente , all’UKIP non sono tenuti a eseguire il backup di queste affermazioni ; questo succede perché sono miti che sono stati ripetuti più e più volte da tutti i partiti tradizionali . Il cancelliere ombra Ed Balls è stato particolarmente stridente nel tentativo di dimostrare che i laburisti sono altrettanto anti-immigrati e anti- immigrazione delle altre parti politiche . Scrivendo dopo la sconfitta elettorale del Labour nel 2010, scrisse che, a causa dell’ immigrazione dall’Europa orientale , “vi è stato anche un impatto diretto sui salari , i termini e le condizioni di troppe persone nel nostro paese ” . 

L’ idea che l’immigrazione sia la causa dei bassi salari e dell’alta disoccupazione è ormai così diffusa che agli occhi del pubblico si è spostato dal regno della teoria alla realtà . Con questo in mente , dopo aver ricevuto il mio foglio UKIP , piuttosto che dimenarmi indignato sul pavimento della cucina gridando ‘ BUGIE ! BUGIE ! BUGIE ! ‘ , sono andato alla ricerca di alcuni fatti ( quelle cose inafferrabili che all’UKIP sembrano considerare irrilevante ) . Sorpresa , sorpresa – all’UKIP stanno mentendo .

Mito 1 , “immigrazione illimitata costa posti di lavoro britannici “.

Studi accademici autorevoli indicano che l’immigrazione non è un fattore chiave determinante i livelli di disoccupazione . Un’indagine dell’Università di Oxford di una serie di ricerche ha scoperto che ” la ricerca non trova un significativo impatto dell’immigrazione globale sulla disoccupazione nel Regno Unito” . Come Jonathan Wadsworth , del Royal Holloway College e del comitato indipendente governativo Migration Advisory Committee, ha detto : ” E ‘ difficile trovare le prove di un diverso dislocamento dei lavoratori britannici o dei salari mediamente più bassi. ” Così come sarebbe falso sostenere che il tasso di disoccupazione al 20% del 1930 è stato il risultato della bassa immigrazione così sarebbe falso sostenere che le attuali cifre della disoccupazione che si attestano al 6,9 % siano il risultato della forte immigrazione. L’assunzione coltivata dal contesto politico è che c’è un numero fisso di posti di lavoro in una economia nazionale e la circolazione dei lavoratori da un paese all’altro riduce il numero di posti di lavoro in quel paese. Numerosi studi confutano questa convinzione compresa “Card (1990 )” l’influente studio di Mariel . Il 20 aprile del 1980, Fidel Castro ha dichiarato che i cittadini cubani che desiderano trasferirsi negli Stati Uniti possono lasciare liberamente il paese. Nel settembre del 1980, circa 125.000 cubani avevano scelto di intraprendere il viaggio . Da un giorno all’altro , il Mariel ” esperimento naturale “, ha aumentato la forza lavoro di Miami del 7 per cento . Nel  1990 l’analisi della scheda dei dati di indicava che l’andamento del mercato del lavoro a Miami tra il 1980 e il 1985 in termini di livelli salariali e tassi di disoccupazione erano simili a quelli manifestati da città come Los Angeles , Houston e Atlanta , città che non ha vissuto lo shock dell’offerta Mariel “.  Il fatto è che, mentre l’immigrazione può in alcuni casi aumentare la concorrenza per i posti di lavoro, crea anche posti di lavoro aumentando la domanda di beni e servizi.

Mito 2 ” manodopera a buon mercato spinge verso il basso i salari britannici “

” La ricerca empirica degli effetti sul mercato del lavoro dell’immigrazione nel Regno Unito suggerisce che l’immigrazione ha relativamente piccoli effetti sui salari medi “. Le prove sono, tuttavia , inconcludenti . ” Dustmann, Frattini e Preston (2008) trovano che un aumento del numero di migranti corrispondente all’ uno per cento della popolazione in età lavorativa nel Regno Unito comporta un aumento dei salari medi di 0,2-0,3 per cento . Un altro studio , per il periodo 2000-2007 , ha scoperto che un aumento di un punto percentuale della quota di migranti nella popolazione in età lavorativa del Regno Unito abbassa il salario medio dello 0,3 per cento (Reed e Latorre 2009) . Questi studi , che si riferiscono a diversi periodi di tempo , quindi raggiungono opposte conclusioni, ma sono d’accordo che gli effetti dell’immigrazione sui salari medi sono relativamente piccoli “. Quindi la ricerca indica che l’immigrazione può migliorare i salari e anche abbassarli , ma l’effetto è minimo in entrambi i casi. L’inflazione è aumentata del 18% tra il 2007 e il 2012 mentre i salari sono aumentati solo del 10 % . Questo divario dell’8 % non potrebbe mai essere causato dall’immigrazione mentre si fatica a trovare una sola voce in parlamento che chieda il motivo per cui i boss spingano continuamente verso il basso i salari e al di sotto dell’inflazione .

Mito 3 “Scuole , salute, benessere sono sotto pressione “

Le scuole , la salute e il benessere sono tutti sotto pressione . Questa affermazione però è subdola e fa riferimento al fatto che 4.000 persone a settimana vengono in Gran Bretagna dall’UE . L’implicazione è semplice , ovvero che gli immigrati sono una ‘fuga ‘ verso i servizi pubblici . A parte il fatto che questo gioca su alcuni dei peggiori e più xenofobici stereotipi sugli immigrati, non è proprio corretto . Gli immigrati in realtà contribuiscono più in termini di tasse che ricevono che in termini di servizi . ” Nel 2008/9 i migranti hanno contribuito 0,96 per cento delle entrate fiscali totali e rappresentavano solo il 0,6 per cento della spesa totale”  ” Un altro studio, condotto da ricercatori della UCL , ha trovato che i nuovi immigrati erano il 60 per cento in meno rispetto ai nativi nel ricevere benefici statali o crediti d’imposta , e avevano il 58 per cento in meno di probabilità di vivere in alloggi sociali “.

Con questo in mente , dobbiamo accettare che l’UKIP sia piena di merda e lo sappia o ne è semplicemente inconsapevole. Penso che la realtà sia un mix dei due. Il contesto politico letto attraverso i pregiudizi e la logica machiavellica è stato costruito in modo che gli immigrati fossero il capro espiatorio per ogni sorta di problemi, come nella legge sugli stranieri del 1905 , progettata per mantenere fuori gli ebrei in fuga dai pogrom dell’Europa orientale dal nel Regno Unito . Tanta disinformazione è stata diffusa per così tanto tempo che coloro che la spacciano ci credono loro stessi .

Come Daniel Trilling del Nuovo Umanista ha detto: « Il problema – come sempre – è che i leader politici delle posizioni anti- UKIP sono quelli che hanno creato le condizioni che hanno dato luogo ad esso ” . Le condizioni che l’UKIP sta raccogliendo a man bassa sono i bassi salari, la disoccupazione e la pressione sulle scuole , il benessere e la salute. Queste condizioni – anche se nessuno dei partiti tradizionali , meno di tutti l’UKIP , ne parla – sono il risultato diretto di 35 anni di neoliberismo. Thatcher ha avviato il progetto di minare i sindacati , tagliando i diritti dei lavoratori e dei salari e le privatizzazioni . Il progetto è stato proseguito dal Labour e adesso dai Con- Dems . Tutte le parti politiche hanno sposato il neoliberismo , un progetto che pone i profitti per le grandi imprese al primo posto rispetto alla libertà e alla vita della classe operaia . La rabbia per la disoccupazione e i salari bassi e per la compressione dei servizi è molto diffusa . Tutti i partiti tradizionali rappresentano gli interessi delle grandi imprese e sono quindi disposti ad attribuire la disoccupazione e le cattive condizioni di lavoro a coloro che impiegano o dettare le condizioni di lavoro ; un grande business . Questi partiti comunque richiedono di voti dai lavoratori e per farli incolpano dei problemi le persone che devono affrontare gli immigrati , i disoccupati e i disabili .

Sono orgoglioso di dire che non potremo mai assecondare il capro espiatorio razzista impiegato dai media di destra, e riguardo il contesto politico affermiamo chiaramente che ” i controlli sull’immigrazione dividono e indeboliscono la classe operaia e sono quindi contro gli interessi di tutti i lavoratori ». Dobbiamo sottolineare le menzogne ​​e l’ipocrisia dell’UKIP e degli altri partiti tradizionali , ma dobbiamo anche continuare a lottare per un tipo alternativo di politica. Una politica socialista che metta le persone prima dei profitti e rifiuti i miti che si diffondono con il proposito di dividere la classe operaia .

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s