A proposito di deindustrializzazione dell’America e di rinascita di sentimenti no-global nella stessa.

Via: Theeconomiccollapseblog

Boy_in_Anti-Globalization_T-shirtL’articolo che ho tradotto e pubblico è il sintomo di una tendenza che, credo, oramai sia in atto negli USA: diventare no-global! Ovvero, dopo decenni di richieste spasmodiche di aperture al mercato (la Cina è stata spinta peraltro ad entrare nel WTO per poterla soggiogare entrando nel suo mercato, col risultato che ha invece portato un certo caos all’interno del club) dopo decenni di dichiarazioni di principio sulla bellezza della globalizzazione e sulle virtù salvifiche del capitalismo e del mercato, ecco ritornare in auge il pensiero protezionista ed antiglobalizzazione. A voi giudicare.

Per quanto tempo l’America può continuare a bruciare ricchezza? Quanto tempo può questa nazione continuare a consumare molta di più ricchezza di quanta ne produce ? Il deficit commerciale è uno dei principali motivi per il costante declino dell’economia degli Stati Uniti , ma molti americani non hanno nemmeno capito di cosa si tratta . In sostanza , stiamo comprando molta più roba dal resto del mondo di quanto, il resto del mondo, ne stia comprando da noi. Ciò significa che molto più denaro lascia costantemente il paese di quanto ne stia entrando . Per mantenere in piedi il gioco, dobbiamo andare dalle persone da cui abbiamo comprato tutta quella roba e chiedere loro di darci indietro i nostri soldi. Oppure ultimamente , non ci resta che la Federal Reserve che crea nuovo denaro dal nulla . Questa creazione è chiamata ” quantitative easing” . Il nostro stile di vita fondato sul debito autoalimentato, dipende dalla continuazione di questo ciclo.

[…] Se un giorno saremo costretti a vivere solo della ricchezza che creiamo , allora sarà necessario un aggiustamento massiccio del nostro tenore di vita . Siamo diventati grandi a consumare la ricchezza, ma non così grandi a crearla. Come risultato dei nostri giganteschi deficit commerciali , anno dopo anno , abbiamo perso decine di migliaia di imprese, milioni e milioni di posti di lavoro , e l’America si è deindustrializzata a un ritmo impressionante .

La maggior parte degli americani non se ne accorgono neppure , ma l’ultimo deficit commerciale mensile è aumentato a 42,3 miliardi di dollari …

[…] Secondo il Dipartimento del Commercio, il disavanzo è aumentato a 42,3 miliardi dollari lo scorso febbraio, cioè del 7,7 % in più rispetto a gennaio quando era di 39,3 miliardi dollari.

Quando il deficit commerciale aumenta, significa che maggiore ricchezza, più posti di lavoro e ancora di più le imprese hanno lasciato gli Stati Uniti .

In sostanza , siamo diventati più poveri come nazione .

Vi siete mai chiesti come la Cina è diventata così ricca ?

Solo pochi decenni fa , erano praticamente una barzelletta, dal punto di vista economico. […] Bene, uno dei sistemi principali è stato quello di venderci di gran lunga più roba di quanta ne abbiamo venduta a loro. Se avessimo rifiutato di fare affari con la Cina comunista , essa non sarebbe mai diventata quello che è diventata oggi . Sono state le nostre decisioni che hanno permesso alla Cina di diventare una potenza economica .

L’anno scorso, abbiamo venduto 122 miliardi di dollari di roba in Cina .

Che suona bene fino a quando si apprende che la Cina ha venduto 440 miliardi di dollari di roba a noi. Riempiamo i nostri carrelli della spesa con un sacco di bigiotteria di plastica a buon mercato che sono “Made in Cina” , ed essi accumulano gigantesche montagne di nostri soldi che noi li preghiamo di ridarci in modo che possiamo pagare le bollette .

[…] Qui di seguito , ho postato i nostri deficit commerciali annuali con la Cina dal 1990 . Vediamo se è possibile individuare la tendenza …

1990 : 10 miliardi di dollari

1991 : 12 miliardi di dollari

1992: 18 miliardi di dollari

1993: 22 miliardi di dollari

1994 : 29 miliardi di dollari

1995: 33 miliardi di dollari

1996 : 39 miliardi di dollari

1997 : 49 miliardi di dollari

1998 : 56 miliardi di dollari

1999: 68 miliardi di dollari

2000 : 83 miliardi di dollari

2001 : 83 miliardi di dollari

2002 : 103 miliardi di dollari

2003 : 124 miliardi di dollari

2004 : 162 miliardi di dollari

2005 : 202 miliardi di dollari

2006 : 234 miliardi di dollari

2007 : 258 miliardi di dollari

2008 : 268 miliardi di dollari

2009 : 226 miliardi di dollari

2010 : 273 miliardi di dollari

2011 : 295 miliardi di dollari

2012 : 315 miliardi di dollari

2013 : 318 miliardi di dollari

Oddio !

E ‘stato stimato che l’economia statunitense perde circa 9.000 posti di lavoro per ogni miliardo di dollari di merci importate da oltreoceano , e secondo l’Istituto di politica economica , l’America sta perdendo circa mezzo milione di posti di lavoro in Cina ogni anno .

Considerando l’ elevato livello di disoccupazione che ora abbiamo in questo paese , possiamo davvero permetterci di fare questo?

Nel complesso , gli Stati Uniti hanno accumulato un deficit commerciale totale con il resto del mondo di oltre 8000 miliardi di dollari dal 1975 .

[…]

Molte persone trovano questa statistica difficile da credere , ma gli Stati Uniti hanno perso un totale di più di 56.000 impianti di produzione dal 2001.

Come risultato , la classe media è avvizzito , e a questo punto il 90% delle occupazioni in America pagano meno di 35 mila dollari l’anno .

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s