Christian Spahni o della pittura in un mondo complesso. Parte 1 di 2.

di Sergio Mauri Pubblico oggi e domani le immagini di alcuni acquerelli del pittore svizzero Christian Spahni. Consideratele come prove d’autore per lavori più grandi e complessi. Qui un articolo e un video dell’artista che, anche se solamente in tedesco, vi dà una prima idea di che cosa stiamo parlando. Il titolo che ho messo… More Christian Spahni o della pittura in un mondo complesso. Parte 1 di 2.

Comunitarismo e marxismo.

di Sergio Mauri Il leit-motiv liberale è: tolleranza con i tolleranti e intolleranza con gli intolleranti. Definita l’intolleranza a partire da un’idea ben precisa di tolleranza, chi viene definito intollerante non ha che da attendere l’esclusione. Un’esclusione che deve essere comunque prodotta, perché ha senso difinirsi tollerante solo se qualcuno non lo è. Questa dinamica… More Comunitarismo e marxismo.

La campagna filo-europeista nel Regno Unito.

di Sergio Mauri Via: Leninology [Traduco dall’inglese] Come potete vedere l’argomento fondamentale per rimanere nell’Unione Europea è che l’Unione è stata meravigliosa per quanto riguarda la deregolamentazione, per i viaggi a basso costo, per piazzare il vino o viaggiare oltreconfine nei tuoi spazi di tempo. Questo è lo stato delle cose al momento. La sinistra… More La campagna filo-europeista nel Regno Unito.

Semiotica transatlantica.

di Sergio Mauri Le serie TV americane mi divertono. Specie quelle poliziesche, dove il fattore criminogeno sembra il collante di ogni relazione sociale, almeno al di là dell’Atlantico. E forse lo è, questo ci viene propinato. Tuttavia, il “mondo televisivo” è un luogo autosufficiente che “se non esistesse bisognerebbe inventarlo”. Un luogo in cui segni,… More Semiotica transatlantica.

Spendere i soldi dei contribuenti per controllarli?

di Sergio Mauri Via: BoingBoing.net e Muckrock.com La DEA, l’agenzia americana che opera nel campo della lotta alla droga, non vuole ammettere di aver speso parecchi milioni di dollari dei contribuenti nel tracciamento dei telefoni cellulari. Facendo, cioè, una cosa molto al limite della Costituzione degli Stati Uniti. Come ha speso tutti questi soldi? Comprando… More Spendere i soldi dei contribuenti per controllarli?

Droga, terrorismo e quant’altro.

di Sergio Mauri Via: CBS  e BoingBoing.net [Traduco dall’inglese] In Arabia Saudita, gli spacciatori di droga vengono abitualmente giustiziati. Vedremo se il principe saudita di cui all’articolo linkato sopra, ora fermo in Libano, sarà accusato e perseguito per il ritrovamento di due tonnellate di roba nel suo jet privato diretto in Arabia Saudita. Ne dubitiamo.… More Droga, terrorismo e quant’altro.

Non era la prima volta. Non poteva essere l’ultima.

di Sergio Mauri Ecco perché penso non sarà facile avere pace nella società occidentale, pervasa da pulsioni di rigetto verso tutto ciò che non la vede vincitrice e protagonista indiscussa. Riprendo questo mio articolo del 2008. Oltraggiate tombe di veterani francesi musulmani della 1^ guerra mondiale. Via: Angryarab e Alarabiya.net   Dicembre 2008 Centinaia di tombe… More Non era la prima volta. Non poteva essere l’ultima.

Strana sparizione a Seattle, Washington.

di Sergio Mauri Via: BoingBoing.net Il Seattle Weekly scrive che “un computer e un’unità centrale appartenente alla professoressa Angelina Godoy, contenente copie di files, testimonianze ed informazioni di sopravissuti salvadoregni, sono stati rubati dal suo ufficio in circostanze fortemente sospette”. Informazioni confidenziali intorno alle violazoni dei diritti umani in El Salvador, sono sparite dagli uffici… More Strana sparizione a Seattle, Washington.

Orwell è qui!

di Sergio Mauri Via:  techdirt.com e judiciary.gov.uk Il governo inglese aveva già bandito il pensiero estremista (noi diremmo critico) dai social media e dalla TV, in un’ondata incredibile di islamofobia iper-reattiva e reazionaria, conseguente i fatti di Parigi. Con quale logica lo fece? Secondo la logica che certi pensieri sono troppo pericolosi per godere della… More Orwell è qui!

L’assalitore di Trollhättan era “razzialmente motivato”.

Via: Buzzfeed.com In concomitanza con la festa di Halloween (certo qualche giorno prima, ma comunque….) ecco l’assalto dello squilibrato svedese che ha ucciso un insegnante ed uno studente. Secondo le ultime ricostruzioni, comunque, sembra che il personaggio abbia scelto le sue vittime in base al colore della pelle. Per i particolari, ovviamente, dovremo aspettare ancora… More L’assalitore di Trollhättan era “razzialmente motivato”.

L’importanza dell’informazione e dell’immateriale nel (post)capitalismo contemporaneo.

di Sergio Mauri Via: BoingBoing.net Si tratta di un testo molto interessante sulla società dell’abbondanza che, per la prima volta, secondo l’autore, diventa realtà. Per la prima volta, inoltre, diventa usufruibile dall’umanità tutta. La tesi è che per il capitalismo non è possibile organizzare una realtà economica basata sull’informazione. Perciò, si pone in essere l’avverarsi… More L’importanza dell’informazione e dell’immateriale nel (post)capitalismo contemporaneo.

Delta del Niger.

di Sergio Mauri Ripubblico un mio articolo di circa sei anni fa sulla questione, ancora attuale, del conflitto che ha come scatenante il Delta del Niger, le multinazionali del petrolio (e del metano), il governo nigeriano e i soldi. Tanti soldi. Ogni tanto qualche italiano, filippino, libanese viene rapito in quelle zone, divenute ormai proprietà… More Delta del Niger.

Se sei saudita, negli Stati Uniti, puoi aggredire sessualmente e rimanere impunito. Sembra.

di Sergio Mauri Via: BoingBoing.net Accade che, sauditi, ma anche qatarioti, di alto rango, proprietari di lussuose dimore a Beverly Hills, Los Angeles, abbiano il vizietto di importunare, forzare ad atti sessuali le proprie domestiche. Ma la cosa singolare è che, incontrino dei giudici che affermino non esserci elementi sufficienti per costruire un’accusa nei confronti… More Se sei saudita, negli Stati Uniti, puoi aggredire sessualmente e rimanere impunito. Sembra.

Un saggio sull’incarcerazione di massa in America a spese degli afroamericani.

di Sergio Mauri Via: BoingBoing.net Una parte molto consistente della popolazione carceraria americana è composta da afroamericani, che significa povera gente, emarginati, piccoli o medi criminali, assassini, ladri per necessità, tossici. Nulla di nuovo, essendo il sistema americano, sotto il profilo socio-culturale, un sistema di tipo punitivo, dove la colpa, quando non c’è, deve essere… More Un saggio sull’incarcerazione di massa in America a spese degli afroamericani.

I modelli economici servono nelle simulazioni, non nella realtà.

di Sergio Mauri Via BoingBoing.net e Federalreserve.gov O meglio, possono risultare utili nel simulare possibili azioni e reazioni nel mondo reale, ma nulla più. Il titolo è proprio indovinato. I modelli, i libri e le teorie, così tanto importanti nella nostra cultura, in realtà non ha tutta l’utilità e la serietà del riscontro scientifico, di… More I modelli economici servono nelle simulazioni, non nella realtà.

Una proposta per la fiscalità italiana.

di Sergio Mauri Volevo intitolare questo articolo “Una proposta di civiltà per la fiscalità italiana”. In effetti si tratta di una questione di civiltà, di convivenza civile tra le persone. Ho già scritto dell’irrazionalità del sistema fiscale italiano, quindi sapete già che ne penso. Come primo passo verso la razionalizzazione, propongo la tassazione unica e… More Una proposta per la fiscalità italiana.

Voci d’oltreoceano: il Presidente nero, Emanuel Rahm e il “race factor”.

di Sergio Mauri Ripubblico un mio vecchio pezzo di circa 6 anni fa su Obama ed Emanuel Rahm, una sorta di falco filo-israeliano, presente nel gabinetto obamiano. Il pezzo era rielaborato, tradotto e tratto da un post di Kuro5hin. Il Presidente nero, Emanuel Rahm e il “race factor” era il titolo del post di Kuro5hin.… More Voci d’oltreoceano: il Presidente nero, Emanuel Rahm e il “race factor”.

Il nome è italiano, ma i denari no.

di Sergio Mauri Facciamo il punto della situazione sulle imprese che erano italiane e ora non lo sono più. Parliamo di grandi società, compagnie o grandi marchi di risonanza mondiale. Ecco una mappa, da aggiornare anche con il vostro contributo: Pirelli (China National Chemical, Cina), Alitalia (Etihad, Emirati Arabi Uniti), Ferretti Yacht (Shandong Heavy Industry-Weichai… More Il nome è italiano, ma i denari no.

Il TPP è ora realtà.

di Sergio Mauri Ebbene si, alla fine è stato siglato. L’obiettivo è quello di dare forza agli scambi mondiali espandendo il potere di libera circolazione globale dei capitali. Questo significa cattive notizie per il lavoro a livello globale. L’obiettivo degli Stati Uniti e del Giappone è quello di porsi in vantaggio rispetto alla Cina, che… More Il TPP è ora realtà.

L’Italia tra evasione fiscale e studi di settore.

di Sergio Mauri La politica fiscale italiana non è razionale. Essa si sviluppa lungo un asse i cui estremi sono, da una parte l’evasione totale, dall’altra gli studi di settore. Se sapete tutto sull’evasione fiscale, sono pronto a scommettere che non avete idea di che cosa siano gli studi di settore. Scrive l’Agenzia delle Entrate:… More L’Italia tra evasione fiscale e studi di settore.

L’Arte contemporanea cinese frena. Frenano anche i soldi che vi girano intorno.

di Sergio Mauri La notizia ce la danno diversi bloggers ed osservatori del mercato dell’arte contemporanea internazionale e cinese in particolare. In Italia è Arteconomy24 de Il Sole 24 Ore a darne notizia. Un pò ce l’aspettavamo, la cosa non è certamente un fulmine a ciel sereno. Infatti; devo essere sincero: già ne avevo sentore… More L’Arte contemporanea cinese frena. Frenano anche i soldi che vi girano intorno.

La Libia e Sarkozy.

di Sergio Mauri Sto rileggendo un articolo interessante sull’argomento Libia, a firma Alessandra Nucci, su Italia Oggi del 18 febbraio scorso. L’articolo s’intitolava “La Libia distrutta da Sarkozy“. Il sottotitolo recitava: “Assicurava la libertà di culto. Nessun libico fuggiva“. E’ ovvio che certe posizioni non vadano prese come oro colato, ma vale la pena, ogni… More La Libia e Sarkozy.

Su Corbyn massima calma e sobrietà. Se non pessimismo della ragione.

di Sergio Mauri Con Tsipras molti di noi non hanno resistito alla tentazione di gridare alla rivoluzione. E’ naturale, umano. Dopotutto, da quanto tempo non si vinceva? Oggi, poi, si continua a vincere, magari con meno affluenza alle urne, e dopo aver parzialmente mollato sui diktat della Troika. Su Corbyn, però, consiglierei di mantenere la… More Su Corbyn massima calma e sobrietà. Se non pessimismo della ragione.

Isis.

di Sergio Mauri L’Isis, come nuovo Califfato e promessa di (ri)fondazione nazionalistica dei sunniti, luogo dove essi possano essere sempre difesi e si possano sentire protetti, è un progetto che genera una grande simpatia e speranza nei popoli islamici sunniti. È un dato di fatto su cui dobbiamo riflettere, anche se non ci piace. La… More Isis.

Non se ne può proprio più dell’uso strumentale dell’immigrazione.

di Sergio Mauri Sarebbe semplicissimo parlare di campagna elettorale, come causa del bombardamento mediatico sull’immigrazione, in un paese come l’Italia, in perenne campagna elettorale. C’è anche quella, certo. Sondare, orientare, ancora sondare, spostare e riconfigurare il consenso. Fabbricarlo, il consenso. Nulla di nuovo. Potremmo anche discutere della totale ignoranza di qualsiasi nozione di storia o… More Non se ne può proprio più dell’uso strumentale dell’immigrazione.

Politica, antipolitica e Stato moderno.

di Sergio Mauri La marea dell’antipolitica che, a fasi alterne ci accompagna ormai da lungo tempo, ha dimostrato di essere un marchio commerciale di profondo e duraturo impatto. Non solo ha tenuto banco per più di vent’anni sulle scene politico-culturali italiane e non solo, ma ha saputo – sapientemente manipolata – diventare una questione morale… More Politica, antipolitica e Stato moderno.

Immigrazione, ignoranza, razzismo.

di Sergio Mauri L’articolo di Davide Rossi sull’immigrazione ed il razzismo, di qualche giorno fa, mi trova d’accordo su molte cose. Tuttavia, vorrei arricchire i temi affrontati di ulteriori spunti ed idee. Li tratterò per punti. Prima, però, vorrei porre l’attenzione su un fatto abbastanza importante che concerne la vita sociale di tutti noi, di… More Immigrazione, ignoranza, razzismo.

Economia politica dell’Impero. Prezzo e rendita da petrolio.

di Sergio Mauri Nel mondo si estrae ancora sufficiente petrolio da poter fare a meno di quello russo, iraniano o dell’Arabia Saudita o di altri paesi produttori. Il petrolio, tuttavia, non è solo combustibile, è qualcosa di più, ed è proprio per questo che è degno di tante cure ed attenzioni. La ragione della sua… More Economia politica dell’Impero. Prezzo e rendita da petrolio.

Cari amici e compagni, il problema non è il welfare.

A sinistra si è parlato molto di welfare. Troppo e male. Si è parlato spesso di intervento dello Stato. Ma di quale Stato? Di uno Stato che rappresenta quali interessi, e per chi o che cosa alloca le proprie risorse? Quando si parla di welfare, troppo spesso si pensa alle pance piene o alla capacità… More Cari amici e compagni, il problema non è il welfare.

Lenin, Stalin, Putin. Un libro di Vittorio Strada.

di Sergio Mauri Un grande libro scritto da un grande anticomunista: Vittorio Strada. Già comunista, a dire il vero, si distacca, molto presto, dalla teoria politica comunista e dall’URSS. Qualcuno del mio giro lo definirebbe un rinnegato, ma si tratta di un aggettivo insufficiente. Parliamo di un grande conoscitore della Russia, della sua storia e… More Lenin, Stalin, Putin. Un libro di Vittorio Strada.

A wannabe post: if I was a gallerist. What is East-West Art Gallery’s Safe Interchange Project?

Hi everybody, this is a fictional post. But……it could be true, a true project. So, we made our minds up to donate you this very interesting piece of wisdom. Do your best. First of all we have to explain to all of you we are an Italian couple that has made its mind up to… More A wannabe post: if I was a gallerist. What is East-West Art Gallery’s Safe Interchange Project?

Pensate se Corbyn fosse un candidato italiano….!

Jeremy Corbyn si candida alle primarie del Partito Laburista del 2015. E’ un uomo di sinistra che dice e chiede cose di sinistra. Tuttavia, non abbiamo di fronte un rivoluzionario bolscevico, ma un socialista democratico, che si definisce come tale, coerente con il proprio passato. Questo, nel Regno Unito di oggi e nell’Europa di oggi… More Pensate se Corbyn fosse un candidato italiano….!

Presentazione del libro L’Europa incerta.

di Sergio Mauri Davide Rossi, in questo libro ricco di riferimenti storici e politici, ma soprattutto antropologici, ci accompagna lungo un percorso in grado di ricollegare passato e presente, attraverso l’Europa balcanico-danubiana. Egli è capace di illuminare i coni d’ombra, ma anche le meraviglie di cultura ed arte proprie di quella parte, ineludibile, del nostro… More Presentazione del libro L’Europa incerta.

Quando il capitalismo può dirsi in crisi?

Il sistema capitalistico può dirsi in crisi allorquando entra in crisi la parte fondante il sistema stesso: il processo di accumulazione del capitale. Non che il capitalismo possa esistere senza crisi, poiché esso è crisi in processo e sviluppo attraverso le crisi. È, inoltre, processo contradditorio e di quelle contraddizioni che hanno la caratteristica di… More Quando il capitalismo può dirsi in crisi?

Ludopatia, ovvero gioco d’azzardo e tassa sulla povertà.

Nomisma ha recentemente pubblicato una ricerca interessante sul gioco d’azzardo e la conseguente, possibile, ludopatia. Ciò che da questa ricerca emerge è che i principali fattori di rischio sono la mancanza d’istruzione ed il censo. L’azzardo è un business capitalistico, tra i migliori, ed ha la caratteristica di essere anticiclico. In Italia dal 2007 al… More Ludopatia, ovvero gioco d’azzardo e tassa sulla povertà.

Sulla tecnologia italiana sganciata sullo Yemen.

Sul sito di inchieste giornalistiche internazionali Reported.ly è uscito un report che mette in evidenza come il nostro paese abbia un ruolo fondamentale nello svolgimento della guerra nello Yemen e soprattutto per quanto riguarda i bombardamenti effettuati su quel territorio. Un business del quale approfittano non solo direttamente le grandi aziende interessate, peraltro sussidiarie italiane… More Sulla tecnologia italiana sganciata sullo Yemen.

Grecia: ora possiamo solo imparare dalla sconfitta!

Certo; possiamo dire che era complicato vincere la trattativa. Possiamo anche dire che la trattativa non doveva essere fatta. Ma ormai è troppo tardi. L’accordo firmato è peggiorativo pure rispetto a quello ventilato precedentemente che già era molto pesante. Non voglio giudicare più di tanto l’operato di Tsipras che si è trovato senza grande esperienza… More Grecia: ora possiamo solo imparare dalla sconfitta!

L’Europa incerta. Un libro di Davide Rossi.

È in uscita il libro “L’EUROPA INCERTA” dedicato da Davide Rossi a tutte e tutti coloro che credono e lottano per un’Europa dei popoli, antifascista, antirazzista e solidale ne anticipiamo un capitolo. L’Europa confusa dimentica l’antifascismo. A pochi giorni dal 25 aprile 2015, 70° anniversario della Liberazione d’Italia dal nazifascismo, l’Europa è in preda a… More L’Europa incerta. Un libro di Davide Rossi.

Il “Piano B” di Renzi sull’immigrazione è una bufala, ovviamente!

Abbiamo sentito in TV e letto sui giornali di un fantomatico Piano B che Renzi avrebbe minacciato di applicare nel caso l’Europa non si decidesse ad intervenire sulla questione. Se ne è parlato il 16 giugno scorso durante una riunione dei ministri degli interni europei. Renzi ha anche aggiunto, col piglio che lo contraddistingue, che… More Il “Piano B” di Renzi sull’immigrazione è una bufala, ovviamente!

Non possiamo trasformare le stazioni in un suq!

di Paolo Branca Mentre mi reco in un paesino della bergamasca per preparare l’incontro con il Custode di Terrasanta Giambattista Pizzaballa che presto ripasserà dai luoghi che l’han visto nascere e celebrare il suo 25° anniversario d’ordinazione, penso allo straordinario destino che ha potuto vivere uno di noi: un italiano di provincia, appena cinquantenne e… More Non possiamo trasformare le stazioni in un suq!